Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma - Chiarimenti sull'avvio di attività di procacciatore d'affari, con particolare riferimento al settore immobiliare

Sito istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma: informazioni, modulistica, servizi.

Seguici sul nostro account Twitter Seguici tramite feed RSS
Home Page » Canali » Elenco Novità » Bacheca avvisi » Chiarimenti sull'avvio di attività di procacciatore d'affari, con particolare riferimento al settore immobiliare
Bacheca avvisi
Chiarimenti sull'avvio di attività di procacciatore d'affari, con particolare riferimento al settore immobiliare
Data pubblicazione: 29-12-2017

I procacciatori d’affari nel settore immobiliare devono possedere i requisiti previsti dalla L. 3 febbraio 1989, n. 39. Lo ha chiarito la Suprema Corte di Cassazione l’8 luglio 2010 con la decisione n.16147 e, di recente, ribadito con sentenza n. 19161 del 2 agosto 2017.

Ciò premesso, si comunica che, per l’iscrizione al Registro delle Imprese dell’attività di “procacciatore d’affari nel settore immobiliare”, l’istanza dovrà essere corredata dalla relativa Segnalazione Certificata di Inizio Attività (i.e. modello ministeriale Mediatori previsto dal DM 26/10/2011, in attuazione dell’art. 80 del D.Lgs. n. 59/2010) ai fini dell’autocertificazione del possesso dei requisiti morali e professionali.

Ne consegue che tutte le istanze di inizio attività di Procacciatore d’affari, Segnalatore, Consulente o categorie similari che operano nel ramo immobiliare, prive della SCIA, saranno immediatamente rigettate con provvedimento del Conservatore.

Quanto ai procacciatori di affari che operano in altri settori (diversi da quello immobiliare), si comunica che l’iscrizione nel Registro delle Imprese può essere richiesta esclusivamente previa esibizione di almeno una lettera di incarico.

Si ribadisce, peraltro, che, qualora nel corso dell’istruttoria, il responsabile del procedimento ravvisasse gli elementi tipici del rapporto di agenzia (i.e., a mero titolo esemplificativo, esclusività; compensi fissi; zone determinate, ecc.) l’istanza sarà sospesa e successivamente respinta per assenza della SCIA.

Da ultimo, si segnala che l’istanza sarà valutata irricevibile e, pertanto, rigettata, anche nel caso in cui l’attività di procacciatore di affari sia esercitata in modo soltanto saltuario ed occasionale (orientativamente per non più di 60 giorni l’anno).
Ciò, poiché mancherebbe – nel caso di specie – l’esercizio in modo continuativo dell’attività imprenditoriale.

 

ultima modifica: 29/12/2017

Contenuti di questa pagina

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dall'ente

C.F. 80099790588 - P.I. 01240741007 - Codice Univoco KIRGLW

per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it
Avviso formati comunicazioni  PEC

mappa del sito | elenco siti tematici | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policyvaluta questo sito

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

- Inizio della pagina -
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network . Ok Informativa completa
Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it