Deposito Bilanci ed Elenco Soci

I soggetti obbligati a presentare il bilancio consolidato o quello di esercizio, le modalità di consegna e gli adempimenti per la presentazione dell'Elenco Soci.

Home Page » Servizi » Registro imprese » Deposito bilanci ed elenchi soci
Deposito bilanci ed elenchi soci
Soggetti obbligati al deposito

I seguenti soggetti sono obbligati al deposito annuale del bilancio di esercizio presso il Registro Imprese:

  • Società a responsabilità limitata
  • Società per azioni
  • Società in accomandita per azioni
  • Società cooperativa
  • Società estere con sede in Italia
  • Geie
  • Consorzi con qualifica di confidi
  • I consorzi che non hanno la qualifica di confidi sono tenuti a depositare unicamente la situazione patrimoniale.
  • Contratti di Rete di Imprese
  • Aziende speciali e Istituzioni di Enti Locali  
  • Startup innovative

I seguenti soggetti sono obbligati al deposito annuale del bilancio consolidato presso il Registro Imprese:

  • Società a responsabilità limitata
  • Società per azioni
  • Società in accomandita per azioni
  • Società cooperativa
  • Società di persone

Modalità di deposito dei bilanci

Secondo quanto previsto dall’art. 31 della L. 340/2000 e successive modifiche, i bilanci devono essere depositati esclusivamente in formato digitale e per via telematica o su supporto informatico.

In entrambi i casi occorre utilizzare il software Fedraplus (o programmi compatibili), compilando il modello B ed intercalare S (nei casi dovuti).
La versione aggiornata della modulistica informatica da utilizzare per questo adempimento è disponibile sul sito www.registroimprese.it  – sezione Comunicazione Unica – Sportello Pratiche (Telemaco) o sul sito http://webtelemaco.infocamere.it .

 

Per la predisposizione e l’invio dei bilanci è disponibile il seguente materiale informativo:

 

Formato elettronico XBRL

Il D.P.C.M. del 10/12/2008 ha previsto che i bilanci di esercizio e consolidati devono essere predisposti nel formato elettronico elaborabile XBRL.

Le informazioni sulla predisposizione dei documenti elettronici in formato PDF/A e in formato XBRL sono disponibili sul sito www.registroimprese.it  – sezione Comunicazione Unica – Sportello Pratiche (Telemaco) o sul sito http://webtelemaco.infocamere.it . Sullo stesso sito web nella sezione Bilanci - XBRL - Strumenti è disponibile l'applicativo TEBE - Servizio on-line per la validazione di un'istanza XBRL.

Il Ministero dello Sviluppo Economico con il Comunicato, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27/02/2009, ha chiarito che l’obbligo di adottare le modalità di presentazione nel predetto formato elaborabile si applica a partire dai bilanci e dai relativi allegati riferiti all’esercizio in corso al 31 marzo 2008 per le sole imprese che chiudano l’esercizio successivamente alla data del 16/02/2009.

La domanda di deposito del bilancio va predisposta nel modo seguente:

a) il bilancio, costituito da stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa, codificato esclusivamente in formato XBRL sulla base della vigente tassonomia
b) tutti gli altri documenti che accompagnano il bilancio, ad esempio la relazione sulla gestione, la relazione del collegio sindacale, il giudizio del revisore contabile ed il verbale di approvazione dell’assemblea, saranno allegati alla pratica in formato PDF/A.

Il file XBRL non può mai essere omesso, tranne nei casi di esonero espressamente previsti dalla normativa.

Se il bilancio in XBRL differisce in maniera sostanziale e non puramente formale dal documento approvato dall’assemblea, in quanto la tassonomia XBRL non è sufficiente a rappresentare la particolare situazione aziendale, nel rispetto dei principi di chiarezza, correttezza e veridicità di cui all’art. 2423 del codice civile, deve essere depositato il prospetto contabile e/o la nota integrativa anche in formato PDF/A.
Si ricorda che l’istanza XBRL deve contenere le informazioni presenti nella Nota Integrativa allegata in formato PDF/A, quali l'introduzione, le tabelle con i dati quantitativi e la parte conclusiva, con le opportune dichiarazioni di conformità.
Colui che firma digitalmente il documento deve dichiarare, nell’apposito campo previsto in calce alla nota integrativa in formato XBRL nel campo di testo libero denominato "Dichiarazione di conformità" contenuto nella sezione “Nota integrativa parte finale” (tag XBRL "itcc-ci:DichiarazioneConformita"):
“Il sottoscritto (nome e cognome) dichiara che lo stato patrimoniale, il conto economico e/o la nota integrativa sono redatti in modalità non conforme alla tassonomia italiana XBRL in quanto la stessa non è sufficiente a rappresentare la particolare situazione aziendale, nel rispetto dei principi di chiarezza, correttezza e veridicità di cui all’art. 2423 del codice civile”.

Si ritiene comunque che la casistica sia oggi ristretta, restando confinata alle realtà aziendali che, utilizzando definizioni delle informazioni e raggruppamenti differenti da quelle evidenziate negli articoli 2424 e 2425 del Codice Civile, abbiano la necessità di esporre informazioni di dettaglio non previste dal Codice Civile, al fine di meglio rappresentare la realtà aziendale.

Nuova tassonomia per i bilanci di esercizio

Con avviso sulla Gazzetta Ufficiale del 10 gennaio 2017 n.7, Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso noto che è disponibile sul sito istituzionale dell'Agenzia per l’Italia Digitale la nuova versione delle tassonomie dei documenti che compongono il bilancio ai fini del deposito nel registro delle Imprese.

La tassonomia da utilizzare per redigere il bilancio in formato XBRL, secondo le recenti disposizioni di cui al D.Lgs. 139/2015 in recepimento della direttiva 34/2013 UE, è la versione "2016-11-14", disponibile sul sito dell' Agenzia per l'Italia Digitale http://www.agid.gov.it/agenda-digitale/pubblica-amministrazione/formato-xbrl-dati-contabili e si applicherà obbligatoriamente ai bilanci chiusi il 31 dicembre 2016 o successivamente.

Sono inclusi nell'obbligo i bilanci consolidati.

Le principali novità introdotte con la tassonomia 2016-11-14 sono in sintesi:

  1. l’introduzione del bilancio per le micro-imprese con relativi schemi quantitativi e commento testuale in calce; 
  2. il Rendiconto Finanziario diventa prospetto quantitativo a sé stante e non più tabella di nota integrativa come nella precedente versione tassonomica; 
  3. il bilancio consolidato invece, pur adeguato alle nuove norme, rimane ancora con confinato ai soli schemi quantitativi (senza nota integrativa strutturata in XBRL).

I consorzi e i contratti di rete con soggettività giuridica che chiudono l'esercizio il 31 dicembre 2016 dovranno depositare la situazione patrimoniale entro il 28 febbraio 2017 e dovranno utilizzare la nuova tassonomia 2016-11-14, comprensiva di nota integrativa.

Tutti i file devono essere firmati digitalmente.

In particolare la presentazione in formato XBRL è prevista per le istanze di deposito dei bilanci individuati dall’elenco seguente:

  • Bilanci ordinari (codice atto – 711)
  • Bilanci abbreviati (codice atto – 712)
  • Bilanci consolidati d'esercizio (codice atto - 713)
  • Situazioni patrimoniali di consorzi (codice atto - 720).

In tutti gli altri casi di deposito di bilancio (es. bilancio finale di liquidazione, i rendiconti ai sensi dell’art. 2487 c.c. nonché le situazioni economico-patrimoniali allegate ai progetti di fusione e scissione) non è richiesta la presentazione in formato XBRL.

La domanda di deposito del bilancio può essere firmata:

a) da un amministratore della società o dal liquidatore della società;
b) dal professionista incaricato   ai sensi dell’articolo 31, commi 2 quater e 2 quinquies della legge 24 novembre 2000 n. 340 il quale dovrà dichiarare nel Modello XX-NOTE: “Il sottoscritto…… , iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di …… al n…, dichiara, ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000, di non avere procedimenti disciplinari in corso che comportino la sospensione dall’esercizio dell’attività professionale, e di essere stato incaricato dal legale rappresentante pro-tempore della società all’assolvimento del presente adempimento”.
Qualora il professionista sia in possesso del certificato di ruolo potrà omettere i dati identificativi della sua iscrizione.
c) da un rappresentante dell’amministratore o del liquidatore della società, cui sia stato conferito incarico ( tramite procura) ai sensi dell’art. 38, comma 3-bis del
D.P.R. 445/2000, sottoscritto in forma autografa dal conferente e accompagnato dal documento di identità dello stesso amministratore/liquidatore.

Dichiarazioni di conformità del bilancio XBRL
Il bilancio (prospetto contabile e nota integrativa) in XBRL deve essere sottoscritto digitalmente da un amministratore della società senza alcuna dichiarazione di conformità.
In caso di presentazione del bilancio (composto da prospetto contabile e nota integrativa) in formato XBRL da parte di professionista incaricato ai sensi dell’articolo 31, commi 2 quater e 2 quinquies della legge 24 novembre 2000 n. 340 il firmatario deve apporre nell’apposito campo previsto in calce alla nota integrativa in formato XBRL nel campo di testo libero denominato "Dichiarazione di conformità" contenuto nella sezione
Ver. 2.00 del 05/05/2015
“Nota integrativa parte finale” (tag XBRL "itcc-ci:DichiarazioneConformità") la seguente dichiarazione:
”Il/la sottoscritto/a ………………………, ai sensi dell’art. 31 comma 2-quinquies della Legge 340/2000, dichiara che il presente documento è conforme all’originale depositato presso la società”.

Presentazione da parte di professionista incaricato
In caso di presentazione da parte di professionista incaricato ai sensi dell’articolo 31, commi 2 quater e 2 quinquies della legge 24 novembre 2000
n. 340, il firmatario deve apporre su ciascun documento allegato al bilancio la seguente dichiarazione:
”Il/la sottoscritto/a ………………………, ai sensi dell’art.31 comma 2-quinquies della Legge 340/2000, dichiara che il presente documento è conforme all’originale depositato presso la società”.
Ciascun allegato al bilancio deve essere sottoscritto digitalmente dal professionista e può essere copia di documento originale informatico, ovvero copia informatica o copia per immagine, in formato PDF/A, di un documento originale analogico, secondo le disposizioni contenute nel D.Lgs 82/2005 e nel D.P.C.M. 13 novembre 2014.
Se invece il documento viene prodotto in duplicato informatico e reca le firme digitali degli originali sottoscrittori non occorre alcuna dichiarazione di conformità.

Presentazione da parte di soggetti diversi
In caso di presentazione da parte di soggetti diversi dal professionista incaricato, il firmatario, qualora i documenti in questione siano originariamente analogici, deve allegare la copia per immagine (tramite scansione ottica) apponendo su ciascun documento la seguente dicitura:
“Il/La sottoscritto/a ……………………, nato a …………… il …………… dichiara, consapevole delle responsabilità penali previste ex art. 76 del D.P.R. 445/2000 in caso di falsa o mendace dichiarazione resa ai sensi dell’art. 47 del medesimo decreto, che il presente documento è stato prodotto mediante scansione ottica dell’originale analogico e che ha effettuato con esito positivo il raffronto tra lo stesso e il documento originale ai sensi dell’art. 4 del
D.P.C.M. 13 novembre 2014”.
Ciascun allegato al bilancio deve essere sottoscritto digitalmente dal soggetto che ha prodotto la copia.
Se invece il documento viene prodotto in duplicato informatico e reca le firme digitali degli originali sottoscrittori non occorre alcuna dichiarazione di conformità.

Soggetti esenti:

Sono attualmente escluse dall'obbligo di deposito del bilancio in formato XBRL:

a) le società che applicano, per obbligo o per facoltà, i principi contabili internazionali (IAS/IFRS) tra cui le società quotate, le banche e gli altri intermediari finanziari vigilati dalla Banca d’Italia e le controllate da questi soggetti.
Si evidenzia la necessità, ai fini dell’esonero dall’adempimento pubblicitario del bilancio in formato XBRL, che gli amministratori evidenzino nella nota integrativa la dichiarazione in modo esplicito e senza riserve, ai sensi del principio contabile internazionale IAS 1, “la piena conformità a tutti i principi contabili internazionali in vigore al momento di formazione del bilancio d’esercizio”.

b) le società esercenti attività di assicurazione e riassicurazione che utilizzano schemi specifici, individuate dal decreto legislativo 28 febbraio 2005 n.38.
 

Bilanci con chiusura sino al 16/02/2009:

Le società che chiudono l’esercizio entro il 16 febbraio 2009 devono depositare al Registro delle Imprese i bilanci nel modo seguente:

  1. Tutti i file che compongono la pratica devono essere predisposti in formato PDF/A (stato patrimoniale e conto economico, nota integrativa, eventuali relazioni, verbale di approvazione);
  2. Resta facoltativa la possibilità di allegare alla pratica un file aggiuntivo in formato elettronico elaborabile XBRL.

I Consorzi:

L'UnionCamere ha indicato con la Circolare n. 18751 del 23/12/2009 che l'obbligo di adottare le modalità di presentazione nel formato elettronico elaborabile (XBRL) si applica anche ai consorzi con attività esterna.
Pertanto, i consorzi con attività esterna, che chiudono l'esercizio dopo il 16 febbraio 2009, sono tenuti a depositare nel Registro delle Imprese la situazione patrimoniale utilizzando il formato elettronico elaborabile (XBRL).

L'Osservatorio permanente dell'Unioncamere e del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ha previsto il 22 dicembre 2010 le istruzioni per il deposito delle situazioni patrimoniali da parte dei consorzi con attività esterna in formato XBRL.     
Con tali istruzioni, comunicate dall'Unioncamere con la Nota n.793 del 19/01/2011, l'Osservatorio ha ribadito che anche i consorzi con attività esterna devono depositare all'Ufficio del Registro delle Imprese le tabelle del conto economico e dello stato patrimoniale nel formato elettronico elaborabile (XBRL).

I consorzi e i contratti di rete con soggettività giuridica che chiudono l'esercizio il 31 dicembre 2016 dovranno depositare la situazione patrimoniale entro il 28 febbraio 2017 e dovranno utilizzare la nuova tassonomia 2016-11-14, comprensiva di nota integrativa, come sopra descritta. 

Elenco Soci

Sono individuate le due seguenti fattispecie:

A) S.p.a. – S.a.p.a. – Società consortili per azioni
Le s.p.a., le s.a.p.a., le società consortili per azioni e i consorzi con qualifica di confidi sono tenuti al deposito dell’elenco soci unitamente al bilancio d’esercizio. L’elenco dei soci deve riferirsi alla data di approvazione del bilancio d’esercizio e non deve essere compilato se non sono intervenute variazioni rispetto all’esercizio precedente.
Nell’elenco dei soci deve essere indicato il numero delle azioni possedute dai soci nonché dai soggetti diversi dai soci che sono titolari di diritti o beneficiari di vincoli sulle azioni medesime. L’elenco deve essere corredato dall’indicazione analitica delle annotazioni effettuate nel libro dei soci a partire dalla data di approvazione del bilancio dell’esercizio precedente.
Le società quotate non sono tenute al deposito dell’elenco dei soci.

B) S.r.l. – Società consortili a responsabilità limitata
Con l’entrata in vigore dell’art. 16 del decreto legge 185/2009 convertito con la legge 2/2009 e la conseguente modifica dell’art. 2478 bis del codice civile, le società a responsabilità limitata e le società consortili a responsabilità limitata, a decorrere dal 30/03/2009, non devono più provvedere al deposito annuale dell’elenco dei soci e degli altri titolari di diritti sulle partecipazioni sociali.

Presentazione su supporto informatico

La presentazione su supporto informatico delle domande digitali di iscrizione e di deposito relative alle società può essere effettuata su appuntamento esclusivamente per i giorni lunedì e giovedì dalle ore 13,30 alle ore 15,00. L'appuntamento può essere fissato telefonicamente al numero 06/52082255 dal lunedì al venerdì dalle ore 8,45 alle ore 12,30.

I  bilanci di esercizio e gli elenchi soci, predisposti in formato digitale su supporto informatico, potranno essere presentati esclusivamente presso la sede di Viale Oceano Indiano, con le modalità di prenotazione esposte nel paragrafo precedente e mediante la compilazione della distinta, contenente al massimo n.6 bilanci.

Il pagamento dei diritti di segreteria e dell'imposta di bollo dovrà essere effettuato sul c/c postale 332007 intestato alla Camera di Commercio di Roma. L'attestazione del suddetto pagamento (una per ogni pratica presentata) deve essere consegnata contestualmente alla presentazione della distinta. (consulta i costi del servizio).

Si precisa che l'accettazione della pratica su distinta, non comporta l'immediato rilascio della ricevuta informatica di protocollo e che la predetta pratica verrà esaminata nel rispetto cronologico di presentazione unitamente a quelle trasmesse per via telematica.
 

Termini

I bilanci di esercizio e gli elenchi soci devono essere presentati al Registro delle Imprese entro 30 giorni dalla data del verbale di approvazione (art. 2435 C.C.).
Per la presentazione delle situazioni patrimoniali dei consorzi (senza la qualifica di “confidi”) il termine è di 2 mesi dalla chiusura dell’esercizio (art. 2615 bis C.C.).
Se i termini scadono di sabato o in giorni festivi, sono di diritto prorogati al primo giorno lavorativo successivo.
L’omessa presentazione del bilancio e dell’elenco soci nei termini è punita con sanzione amministrativa pecuniaria (art. 2630 C.C.).
 

Società cooperative

Da febbraio 2014 il modulo C17 non deve più essere utilizzato per la dichiarazione di permanenza delle condizioni di mutualità prevalente, essendo stato sostituito dal riquadro “DEPOSITO PER L’ALBO COOPERATIVE” integrato nel modello B.
Nel modello B è stato aggiunto il nuovo Riquadro “Bilancio Cooperativa” contenente i dati da utilizzare per la verifica dei requisiti per le cooperative a mutualità prevalente che sono integrati con i dati presenti nel prospetto contabile della situazione patrimoniale in formato XBRL. Tutte le cooperative che hanno già richiesto l'iscrizione all’Albo Nazionale delle Cooperative sono tenute pertanto a compilare l’apposito riquadro “DEPOSITO PER L’ALBO COOPERATIVE” nel modello B, per consentire le attività di vigilanza agli Enti preposti. Si precisa che, qualora non sia stata ancora presentata la domanda di iscrizione all’Albo, la cooperativa è tenuta ad effettuare due adempimenti distinti, uno per l’iscrizione all’Albo e uno per l’allegato al Bilancio mediante l’invio di due pratiche. Le Cooperative iscritte nella sezione "COOPERATIVE A MUTUALITA' PREVALENTE” di cui agli artt. 2512, 2513 e 2514 del c.c., tramite il riquadro “DEPOSITO PER L’ALBO COOPERATIVE” nel modello B devono dimostrare la permanenza delle condizioni di mutualità prevalente (art. 2513 c.c.). Oltre alla dichiarazione di permanenza o meno delle condizioni di mutualità prevalente va inoltre sempre aggiornato il numero dei soci ed indicata l'eventuale adesione ad associazioni di rappresentanza.

 

Casi particolari

Le società in liquidazione:
Il bilancio iniziale di liquidazione non è soggetto a deposito nel Registro delle Imprese. I bilanci di esercizio durante la liquidazione sono soggetti a deposito nel Registro delle Imprese ai sensi degli artt. 2435 e 2490 C.C..

Imprese con gli effetti previsti dall’art. 2495 C.C.:

Il bilancio finale di liquidazione con i relativi allegati è soggetto a deposito nel Registro delle Imprese ai sensi dell’art. 2492 C.C.. Il deposito va effettuato con il modello S3 (vedi la Guida  “Istruzioni per l’iscrizione e il deposito degli atti al R.I.” )

Le società trasformate:
Le società di capitali trasformate in società di persone che hanno iscritto nel Registro delle Imprese l’atto di trasformazione prima dell’approvazione del bilancio di esercizio non sono tenute a depositare lo stesso poiché manca l’organo necessario per l’approvazione del bilancio.
Le società di persone trasformate in società di capitali che hanno iscritto nel Registro delle Imprese l’atto di trasformazione devono effettuare il deposito del bilancio d’esercizio a seconda della data di chiusura del primo bilancio d’esercizio prevista nell’atto di trasformazione.

Le società cessate per fusione o scissione totale:
Le società cessate per fusione o scissione totale prima dell’approvazione del bilancio di esercizio non sono tenute a depositare lo stesso in quanto manca l’organo necessario per l’approvazione del bilancio.

Le società trasferite:
Le società che hanno trasferito la sede legale in altra provincia depositano il bilancio di esercizio presso l’Ufficio del Registro Imprese dove sono iscritte al momento del deposito.

I bilanci non approvati e intermedi:
Il bilancio d’esercizio non approvato dall’assemblea dei soci o dal consiglio di sorveglianza e il bilancio che abbia come riferimento un periodo inferiore all’esercizio sociale non sono soggetti a deposito sulla base del principio di tipicità degli atti da iscrivere o depositare nel Registro delle Imprese.

Deposito a rettifica del bilancio

Il nuovo deposito deve essere effettuato con la presentazione di una nuova pratica completa che sia composta dal modello B con allegata tutta la documentazione prevista.
E’ necessario indicare nel modulo note la seguente dicitura: “A rettifica del precedente deposito effettuato in data ....con il prot. n. ......”.

Deposito a rettifica dell’elenco soci (solo per S.p.a. – S.a.p.a. – Società consortili per azioni)

Il nuovo deposito deve essere effettuato con una nuova pratica "Comunica".
E’ necessario indicare nel modulo note la seguente dicitura: “A rettifica del precedente deposito effettuato in data ............. con il prot. n. ..............”.

Cosa fare per accedere al servizio

Le domande e le denunce predisposte in formato elettronico e sottoscritte con firma digitale possono essere memorizzate su supporto informatico. La presentazione su supporto informatico (floppy/cd) delle domande digitali di iscrizione e di deposito relative alle società può essere effettuata su appuntamento esclusivamente per i giorni lunedì e giovedì dalle ore 13.30 alle ore 15.00.
L'appuntamento può essere fissato telefonicamente al numero 06/52082217 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.30.

E' comunque possibile l'invio per posta spedendo la pratica su supporto informatico con firma digitale, completa dell'attestazione dei diritti di segreteria, al seguente indirizzo: CCIAA Roma - Registro Imprese, Via de' Burrò, 147 - 00186 Roma.

Note
Numeri telefonici e siti internet
FEDRA con firma digitale

E’, comunque, possibile l'invio per posta spedendo la pratica su supporto informatico con firma digitale, completa dell'attestazione dei diritti di segreteria, al seguente indirizzo: CCIAA Roma – Registro Imprese, Via de’ Burrò, 147 – 00186 Roma.

TELEMACO
  • E' attivo il call center 199130606 per l’assistenza specialistica sulla predisposizione delle pratiche telematiche per il Registro Imprese nonché per le informazioni sullo stato dell’istruttoria.
  • Assistenza Telemaco 199502010 e-mail assistenza@infocamere.it
  • Punto informativo, manuali di istruzioni e altre informazioni http://webtelemaco.infocamere.it .
     

Costi

Diritti di segreteria

Per il deposito del bilancio consolidato si applicano gli stessi diritti di segreteria dovuti per il deposito del bilancio d’esercizio.

 

Modalità Telematica

Bilancio di esercizio ed elenco soci - Euro 62,70

Bilancio di esercizio delle cooperative sociali - Euro 32,70

Per il deposito del solo elenco soci - Euro 62,70

Per il deposito a rettifica del bilancio d’esercizio - Euro 62,70

Per il deposito a rettifica dell'elenco soci - Euro 30,00

 

Su supporto digitale

Bilancio di esercizio ed elenco soci - Euro 92,70

Bilancio di esercizio delle cooperative sociali - Euro 47,70

Per il deposito del solo elenco soci - Euro 92,70

Per il deposito a rettifica del bilancio d'esercizio - Euro 92,70

Per il deposito a rettifica dell'elenco soci - Euro 50,00

 

Imposta di bollo:

Per le società di capitali: Euro 65,00
Per le società di persone: Euro 59,00

Nel caso di invio telematico i diritti di segreteria e l’imposta di bollo, laddove necessaria, verranno prelevati direttamente dal fondo utente, per le pratiche su floppy digitale i suddetti importi possono essere pagati sul c/c postale 332007 intestato alla Camera di Commercio di Roma.
L’imposta di bollo per le pratiche digitali è versata alla Camera di Commercio di Roma dai soggetti obbligati, sulla base dell’autorizzazione rilasciata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dip. Delle Entrate – Ufficio delle Entrate di Roma n. 204354/01 del 06.12.2001.
Per le pratiche soggette al pagamento del bollo, gli estremi di tale autorizzazione devono essere indicati negli appositi riquadri previsti nella distinta di presentazione (bollo assolto all’entrata) nel modo seguente: “Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite la Camera di Commercio di Roma autorizzata con prov. Prot. n. 204354/01 del 06.12.2001 del Ministero delle Economia e delle Finanze – Dip. Delle Entrate – Ufficio delle Entrate di Roma”.
Qualora il soggetto che presenta la pratica sia in possesso di un’autorizzazione specifica del Ministero dell’Economia e delle Finanze per il pagamento virtuale dell’imposta di bollo, gli estremi di tale autorizzazione devono essere indicati nella distinta di presentazione (bollo assolto all’origine) nel modo seguente: “Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite l’autorizzazione n. …..del Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Entrate di …….”.
Ai sensi dell’art. 2 del D.M. 127/2002, l’imposta di bollo può essere assolta previa presentazione, al competente ufficio dell’Agenzia delle Entrate, di una dichiarazione con l’indicazione del numero presunto degli atti da depositare durante l’anno. Gli estremi di tale dichiarazione devono essere indicati nella distinta di presentazione (bollo assolto all’origine) nel modo seguente: “Imposta di bollo assolta in modo virtuale tramite presentazione della dichiarazione di cui all’art. 2 del D.M. 127/2002 inviata in data ……. Prot. n…. all’Agenzia delle Entrate di ………”.
Per gli atti esclusi dall’imposta di bollo, l’esenzione va indicata negli appositi riquadri previsti nella distinta di presentazione.
Le cooperative sociali sono esenti dal pagamento dell’imposta di bollo ai sensi dell’art. 27-bis della Tabella (Allegato B) del D.P.R. 642/1972.
Le cooperative edilizie sono tenute al pagamento dell’imposta di bollo come precisato dall’Agenzia delle Entrate – Direzione Regionale dell’Emilia Romagna con parere del 20 gennaio 2006 (Prot. n. 909-2854/2006).
Ai sensi del D.M. 22/02/2007, l’imposta di bollo dovuta per gli atti propri delle società e degli enti diversi dalle società, non ricompresi nel comma 1-bis della tariffa parte prima allegata al D.P.R. 642/1972, che siano rogati, ricevuti o autenticati da notai o da altri pubblici ufficiali e che siano sottoposti a registrazione con le procedure telematiche (M.U.I. – Modello Unico Informatico) previste dal Provvedimento Interdirigenziale del 06/12/2006, è comprensiva delll’imposta di bollo dovuta per la copia dell’atto e la domanda da presentare all’Ufficio del Registro delle Imprese. Pertanto, le domande di iscrizione o di deposito degli atti sopra citati sono presentate dai notai all’Ufficio del Registro delle Imprese con la dichiarazione sulla distinta di presentazione relativa all’assolvimento virtuale all’origine dell’imposta di bollo con l’indicazione dei seguenti estremi di autorizzazione: “Assolto ai sensi del decreto 22 febbraio 2007 mediante M.U.I.”

Moduli

Distinta Deposito Bilanci di esercizio
Scarica (85 kb) File con estensione pdf
Modello procura speciale All. A
Scarica (335 kb) File con estensione pdf

Norme

Queste informazioni sono disponibili in formato aperto. Scarica archivio in Open Data
Circolare MAP 06/12/04 attuativa albo società cooperative
Scarica (1054 kb) File con estensione pdf
Circolare MAP Esplicativa Albo Cooperative 04/08/2005
Scarica (479 kb) File con estensione pdf
Chiarimenti MAP sulla compilazione del modello C17
Scarica (36 kb) File con estensione pdf
Chiarimenti MAP esonero dalla compilazione del modello C17
Scarica (27 kb) File con estensione pdf

FAQ

Contatti

Registro Imprese - Deposito bilanci
Ufficio competente: Area IV Registro Imprese e Analisi Statistiche - Posizione organizzativa Atti societari
Indirizzo e-mail: depositobilanci@rm.camcom.it
Note:

Per ottenere assistenza nella compilazione e predisposizione delle istanze telematiche (escluse le pratiche sospese), contattare il call center: 199.13 06 06 dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00.

ultima modifica: 20/06/2017

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dall'ente

C.F. 80099790588 - P.I. 01240741007 - Codice Univoco KIRGLW

per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it
Avviso formati comunicazioni  PEC

mappa del sito | elenco siti tematici | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policyvaluta questo sito

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

- Inizio della pagina -
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network . Ok Informativa completa
Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it