Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma - Cenni sulla storia della CCIAA di Roma

Sito istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma: informazioni, modulistica, servizi.

Bottone HomePage
Logo Camera di commercio di Roma
Archivio Storico della CCIAA di Roma
Cenni sulla storia della CCIAA di Roma
Home Page » Archivio Storico » Cenni sulla storia della CCIAA di Roma

Cenni sulla storia della Camera di Commercio di Roma

Il fondo pre-unitario della “Primaria Camera di Commercio di Roma” (1831-1871), composto da 42 buste, testimonia la varietà degli indirizzi verso cui si è dispiegata l'attività dell'Ente stesso, ricostituito l'8 luglio 1831 con l'editto del card. Bernetti, Segretario di Stato.
La Camera, pur priva di compiti esecutivi, analogamente alle altre Camere dello Stato pontificio, svolse un ruolo di tipo consultivo e istruttorio in materia di politica economica per orientare le scelte del governo, lasciando ai Tribunali di Commercio le competenze giurisdizionali. Rilasciò, quindi, pareri su materie molto diverse fra loro, quali l'agricoltura, l'industria, le infrastrutture, la politica annonaria e gli scambi commerciali e venne interpellata, in particolare, su questioni di carattere legale, vertenze relative a singoli commercianti, problemi riguardanti le tariffe, i dazi doganali, il contrabbando e la sua repressione.

Inoltre vigilò sui sensali e sugli agenti di cambio e regolò le contrattazioni che avvenivano nella Borsa di Commercio; provvide alla stesura dei listini dei prezzi e degli elenchi degli esercenti, vero e proprio embrione dell'Anagrafe commerciale che entrerà in vigore nel 1910.

Nel corso della sua attività la Camera si preoccupò anche di incrementare il settore dei trasporti al fine di favorire gli sviluppi economici e commerciali (promozione della costruzione della strada da Roma a Foligno, parere sulla linea ferroviaria tra il Tirreno e l'Adriatico) e si impegnò anche nel settore dell'agricoltura (nel 1844 intervenne con suggerimenti e proposte per combattere il flagello dell'invasione delle locuste e per estirpare il fenomeno del brigantaggio nell'Agro romano).

Di notevole interesse è il carteggio relativo alla costruzione degli impianti dei depositi merci presso la Sezione doganale di Ripagrande e dei Magazzini Generali presso la stazione di Trastevere.

Nella seconda metà dell'Ottocento la Camera si occupò anche di importanti questioni politiche ed economiche (partecipazione al dibattito relativo al taglio dell'Istmo di Suez; problematiche relative alla grave crisi monetaria del 1866; partecipazioni a mostre a partire dall'Esposizione di Londra del 1862).

Dopo il passaggio di Roma e del Lazio al Regno d'Italia la Camera venne riorganizzata sulla base della legge 6 lug. 1862, n. 680 (r.d. 26 ago. 1871, n. 468) con competenza territoriale sui circondari di Roma, Frosinone, Velletri e Viterbo; lo stesso decreto riguardava anche la Camera di Civitavecchia che mantenne la competenza sull'omonimo circondario fino alla sua abolizione nel 1928 in seguito alla legge dell'aprile 1926 istitutiva dei Consigli Provinciali dell'Economia.

- Inizio della pagina -
Bottone HomePage

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dall'ente

C.F. 80099790588 - P.I. 01240741007 - Codice Univoco KIRGLW

per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it
Avviso formati comunicazioni  PEC

mappa del sito | elenco siti tematici | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policyvaluta questo sito

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it