Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma - Vigilanza Sicurezza Prodotti

Sito istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma: informazioni, modulistica, servizi.

Seguici sul nostro account Twitter Seguici tramite feed RSS
Benvenuta impresa
Banner cassetto Impresaitalia.it
Il diritto annuale camerale
Vigilanza Sicurezza Prodotti

Piano Vigilanza 2019PremesseLa Camera di Commercio ai sensi del D.Lgs. 31/3/1998, n. 112, congiuntamente all’art. 2 lettera l della legge 580/1993 (modificata dal D.Lgs. 23/2010) è l ente cui è demandato sul territorio il controllo, l’attività ispettiva e la sicurezza dei prodotti.
In particolare la Camera si occupa di:

  • Informare gli operatori sugli obblighi normativi per la produzione e la distribuzione e di orientare il consumatore all'acquisto di prodotti sicuri;
  • Effettuare visite ispettive e controlli sugli operatori economici (fabbricante, mandatario, importatore, distributore, così come individuati dal Regolamento 2008/765/CE);
  • Sanzionare i comportamenti non conformi alle normative sulla sicurezza dei prodotti;

L’esercizio di tali funzioni viene svolto sia attraverso l’adesione a campagne nazionali di controllo, in convenzione con il Ministero dello Sviluppo Economico ed Unioncame, sia attraverso campagne locali di controllo che ogni anno l’ Ufficio preposto provvede ad elaborare in base all’ analisi delle aree di rischio presenti sul mercato locale.

Le categorie di prodotti cui è rivolta maggiore attenzione sono i giocattoli e i prodotti elettrici a bassa tensione, dispositivi di protezione individuale.
I controlli in tale ambito sono:

  • Esame visivo formale del prodotto e del suo imballaggio volto a verificare la presenza e la correttezza delle indicazioni di legge che la confezione del prodotto deve recare per essere posto in commercio;
  • Valutazione della documentazione tecnica di prodotto volto a verificare che il prodotto sia stato sottoposto a tutti i controlli di sicurezza a presupposto della marcatura CE
  • Prove di laboratorio svolti presso laboratori accreditati incaricati dalla Camera, finalizzati a testare la sicurezza dei prodotti.

L’Ufficio svolge altresì controlli in materia di etichettatura dei prodotti tessili e delle calzature. Anche in questo ambito i controlli si sostanziano in:

  • Esame visivo formale del prodotto: con particolare riguardo alla presenza e corretta compilazione dell’etichetta di composizione;
  • Prove di laboratorio: finalizzate a verificare la corrispondenza tra quanto indicato in etichetta e la reale composizione del prodotto.

Aree di intervento

  1. ATTIVITA’ IN CONVENZIONE: Per l’anno 2019 l’ Ufficio intende incentrare la propria attività sul controllo di giocattoli e prodotti elettrici a bassa tenzione. Tali attività saranno oggetto della stipulando convenzione Unoncamere Mise anno 2019.

  2. ATTIVITA’ SU SEGNALAZIONE DEL MI.S.E. O DI ALTRI ENTI O SOGGETTI PRIVATI: Anche per l’anno in corso si prevede come ogni anno un consistente intervento a supporto dell’ attività Ministeriale della Divisione XVI Sicurezza dei prodotti e tutela del consumatore. Non si escludono altresì attività di supporto di altri soggetti deputati al controllo o su segnalazione di associazioni di consumatori e privati cittadini.
     
  3. CAMPAGNE LOCALI: L’attività si concentrerà sul settore moda (tessili e calzature).

Criteri per l’individuazione del campione e modalità dei controlliLa banca dati utilizzata sarà il Registro delle Imprese.
La scelta dei soggetti da controllare sarà gestita con procedura informatica e un criterio casuale. In tal modo sarà possibile ottenere un campione di zone da controllare in modo assolutamente imparziale, in cui l’operatore non ha alcun peso nella scelta.

 

Principali riferimenti normativiNormativa trasversale

  • Regolamento (CE) n. 765/2008 del parlamento europeo e del consiglio, del 9 luglio 2008, che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato per quanto riguarda la commercializzazione dei prodotti e che abroga il regolamento (CEE) n. 339/93.
  • Decisione (CE) n. 768/2008 del parlamento europeo e del consiglio, del 9 luglio 2008, relativa ad un quadro comune per la commercializzazione dei prodotti e che abroga la decisione 93/465/CEE.
  • Legge 24 novembre 1981 n. 689, modifiche al sistema penale, e successive modifiche ed integrazioni.
  • D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206, codice del consumo, artt. 102 – 113.

Normativa settoriale

GiocattoliD.Lgs. 54/2011 attuazione della direttiva 2009/48/ce sulla sicurezza dei. Giocattoli.
Bassa tensioneD.Lgs. 19 maggio 2016, n. 86 Attuazione della direttiva 2014/35/UE concernente l'armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato del materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione.
DPI - dispositivi di protezione individualeD.Lgs. n. 475 del 4 dicembre 1992 Attuazione della direttiva 89/686/CEE del Consiglio del 21 dicembre 1989, in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai dispositivi di protezione individuale.
Tessili

  • Reg. UE n. 1007/20111 del parlamento europeo e del consiglio, del 27 settembre 2011, relativo alle denominazioni delle fibre tessili e all'etichettatura e al contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili.
  • Decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 1942, attuazione della direttiva 96/74/ce relativa alle denominazioni del settore tessile.
  • Decreto del presidente della repubblica 30 aprile 1976 n. 515, regolamento di esecuzione della legge 26 novembre 1973, n. 883, sulla etichettatura dei prodotti tessili.
  • Legge 26 novembre 1973, n. 8833 disciplina delle denominazioni e della etichettatura dei prodotti tessili.
  • Decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, codice del consumo, artt. 102 – 113.
  • Decreto legislativo 15 novembre 2017, n. 190 disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui alla direttiva 94/11/ce, concernente l'etichettatura dei materiali usati nei principali componenti delle calzature destinate alla vendita al consumatore ed al regolamento (UE) n. 1007/2011 del parlamento europeo e del consiglio, del 27 settembre 2011, relativo alle denominazioni delle fibre tessili e all'etichettatura e al contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili.

Calzature

  • Direttiva 94/11/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 marzo 1994 sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri concernenti l'etichettatura dei materiali usati nelle principali componenti delle calzature destinate alla vendita al consumatore, recepita con Decreto del Ministro dell’industria, del commercio e dell’artigianato 11 aprile 1996.
     
  • Decreto legislativo 15 novembre 2017, n. 190 disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui alla direttiva 94/11/ce, concernente l'etichettatura dei materiali usati nei principali componenti delle calzature destinate alla vendita al consumatore ed al regolamento (UE) n. 1007/2011 del parlamento europeo e del consiglio, del 27 settembre 2011, relativo alle denominazioni delle fibre tessili e all'etichettatura e al contrassegno della composizione fibrosa dei prodotti tessili.

Contatti

Etichettatura e sicurezza prodotti
Ufficio competente: Area VI Attività abilitative ed ispettivo/sanzionatorie - Posizione Organizzativa Metrologia Legale e Sicurezza Prodotti
Indirizzo e-mail: ufficio.metrico@rm.camcom.it
Indirizzo: Viale Oceano Indiano, 17 - 00144 Roma
Orari: Il lunedì e il mercoledì: 8.45 - 12.30 / 13.30 - 15.00
Telefono: 06 5208 2066 / 06 5208 2409
Fax: 06 5208 2249
ultima modifica: 05/02/2019

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dall'ente

C.F. 80099790588 - P.I. 01240741007 - Codice Univoco KIRGLW

per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it
Avviso formati comunicazioni  PEC

mappa del sito | elenco siti tematici | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policyvaluta questo sito

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

- Inizio della pagina -
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network . Ok Informativa completa
Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it