Sezione salto di blocchi

Cancellazione d'ufficio degli indirizzi di posta elettronica certificata (PEC) irregolari

Riferimento normativo: Direttiva del Ministero dello Sviluppo Economico d’intesa con il Ministero della Giustizia del 27 Aprile 2015 e registrata dalla Corte dei Conti il 13 Luglio 2015 cosiddetta Circolare INI-PEC e Art. 37del D.L. 76/2020, convertito con modificazioni dalla L. n. 120/2020

Il Ministero dello Sviluppo Economico, d'intesa con il Ministero della Giustizia, ha emanato in data 27/04/2015 una Direttiva contenente le misure necessarie ad assicurare che le imprese costituite in forma societaria e le imprese individuali attive non soggette a procedura concorsuale, si adeguino all'obbligo di:

  • munirsi di una casella di posta elettronica certificata;
  • iscrivere il relativo indirizzo nel Registro delle imprese;
  • mantenere attiva la casella di posta elettronica certificata.

L’art. 37, comma 1, lett.C), del D.L. n. 76/2020, ha inserito il seguente comma 6-ter all’art. 16 del D.L. 185/2008: 

“il Conservatore del Registro delle Imprese che rileva, anche a seguito di segnalazione, un domicilio digitale inattivo, chiede alla società di provvedere all’indicazione di un nuovo domicilio digitale entro il termine di trenta giorni.  Decorsi trenta giorni da tale richiesta senza che vi sia opposizione da parte della stessa società, procede con propria determina alla cancellazione dell’indirizzo dal Registro delle Imprese ed avvia contestualmente la procedura di cui al comma 6-bis. Contro il provvedimento del Conservatore è ammesso reclamo al Giudice del Registro di cui all’articolo 2189 del codice civile” 

e che analoga disposizione, prevista per le imprese individuali, è contenuta nello stesso art. 37, comma 2, che ha sostituito il comma 2 dell’articolo 5 del D.L. n. 179/2012, in base alla quale:

“il Conservatore dell’ufficio del Registro delle Imprese che rileva, anche a seguito di segnalazione, un domicilio digitale inattivo, chiede all’imprenditore di provvedere all’indicazione di un nuovo domicilio digitale entro il termine di trenta giorni. Decorsi trenta giorni da tale richiesta senza che vi sia opposizione da parte dello stesso imprenditore, procede con propria determina alla cancellazione dell’indirizzo dal Registro delle Imprese. Contro il provvedimento del Conservatore è ammesso reclamo al Giudice del Registro di cui all’articolo 2189 del codice civile”

In base al più volte citato art. 37 del D. L. 76/2020, le imprese che non hanno comunicato il proprio domicilio digitale, ovvero il cui domicilio digitale risulti non valido o scaduto, sono soggette all’applicazione di sanzioni con attribuzione d’ufficio di un domicilio digitale

Pertanto, l’Ufficio del Registro delle Imprese ha dato avvio al procedimento di cancellazione degli indirizzi PEC non validi, ai sensi dell’art. 37 del D.L. 76/2020 prevedendo un intervento “massivo” di normalizzazione, articolato in più fasi, come da Provvedimento del Conservatore del Registro delle Imprese di Roma prot.152788/U del 16/09/2022:

  1. individuazione e verifica delle posizioni che presentano anomalie nell’iscrizione dell’indirizzo PEC
  2. pubblicazione per trenta giorni della comunicazione di avvio del procedimento di cancellazione – unitamente agli elenchi delle imprese destinatarie della comunicazione - nella sezione “Albo Camerale
  3. pubblicazione della comunicazione del provvedimento di cancellazione del Conservatore nell’Albo Camerale
     
ultima modifica: venerdì 16 settembre 2022

Condividi