Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma - Startup Innovative

Sito istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma: informazioni, modulistica, servizi.

Home Page » Servizi » Registro imprese » Startup Innovative
Startup Innovative

Sezione speciale "Startup innovativa"

L’art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n.179, convertito con la legge 17 dicembre 2012 n.221, ha istituito la sezione speciale del Registro delle Imprese dedicata alle “Startup innovative”

Cos’è una startup innovativa
La startup innovativa è  una società di capitali, costituita anche in forma di cooperativa, che ha come scopo lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, deve concretamente avere il centro dei propri interessi nel territorio italiano, non deve derivare da fusione o scissione societaria ed è soggetta a norme particolari relativamente al rapporto di lavoro, alla raccolta di capitali, alla gestione della crisi di impresa e agli oneri per l’avvio.
La Startup innovativa usufruisce di benefici fiscali e tributari.

Per info sulle Startup innovative http://startup.registroimprese.it.
 

Adempimenti da presentare nel Registro delle Imprese

  • Nuova costituzione di una società Startup: occorre presentare una pratica telematica per l’iscrizione dell’impresa sia nella sezione ordinaria (cod. O) sia nella sezione speciale (cod. U).
  • Società già esistente che possiede i requisiti per domandare l’iscrizione nella sezione speciale delle Startup innovative: occorre presentare una pratica telematica per ottenere tale tipologia di iscrizione. 
  • Startup aggiornamento informazioni: con decreto-legge 14 dicembre 2018 n. 135 conv. con legge 11 febbraio 2019 n. 12, che ha abrogato il comma 14 dell’art. 25 del d.l. 179/2012, è stato soppresso l’adempimento semestrale di aggiornamento delle informazioni, previsto in origine per le startup innovative e gli incubatori certificati. A seguito dell’entrata in vigore delle predette disposizioni, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato la Circolare n. 3718/C del 10 aprile 2019, con cui è stato precisato che le informazioni di cui all’art. 25, comma 12 (per le startup innovative) e comma 13 (per gli incubatori certificati), d.l. 179/2012, dovranno essere rese disponibili, in formato tabellare, sulla home page del sito internet aziendale. Inoltre, le informazioni di cui sopra devono essere inserite nella piattaforma informatica startup.registroimprese.it, in sede di compilazione del profilo dell’impresa. La mancata compilazione del profilo comporta il blocco della spedizione della Comunicazione Unica per il deposito presso il Registro delle Imprese della dichiarazione del possesso dei requisiti.
  • Start up conferma possesso requisiti: entro 30 giorni dall'approvazione del bilancio e comunque entro sei mesi dalla chiusura di ciascun esercizio, fatta salva l'ipotesi del maggior termine nei limiti e alle condizioni previsti dal secondo comma dell'articolo 2364 del codice civile (nel qual caso l'adempimento è effettuato entro sette mesi), il rappresentante legale deve attestare, mediante autocertificazione, il mantenimento del possesso dei requisiti previsti dalla legge, depositando tale dichiarazione, con apposita domanda telematica, presso il Registro delle imprese. Se la società omette tale adempimento, ne verrà disposta la cancellazione dalla sezione speciale delle startup innovative (art. 25, comma 16, del d.l. 179/2012).

A seguito delle novità apportate dal D.Lgs. del 18.8.2015 n. 139, attuativo della Direttiva n. 2013/34/UE in materia di bilancio di esercizio, il Ministero dello Sviluppo Economico con il parere del 17.11.2016, ha precisato che le startup innovative che intendano avvalersi del requisito delle spese di ricerca e sviluppo, dovranno continuare a redigere il bilancio d’esercizio con allegata la nota integrativa, nella quale devono essere descritte le spese di ricerca e sviluppo.

 

>>Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari, redatta dalle camere di commercio con il coordinamento del Ministero dello Sviluppo Economico

>>Guida integrativa agli Adempimenti periodici delle startup innovative 2019 (formato PDF - 1 Mb) 

 

Autocertificazione del legale rappresentante

Alle pratiche telematiche deve essere sempre allegato il file contenente la dichiarazione dei requisiti di impresa startup innovativa attestante il possesso di tutti i requisiti prescritti dalla legge per l’identificazione della start-up.
Tale dichiarazione deve essere predisposta in formato .pdf/A e sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante della società.

Per approfondimenti su come presentare al Registro Imprese una pratica telematica relativa alla Startup innovativa è possibile consultare il sito http://startup.registroimprese.it/

Requisiti

L'articolo 25 del decreto legge 179/2012 conv. con legge 221/2012, ai fini del riconoscimento della qualifica di "Start-up" innovativa, prevede che l'impresa debba possedere una serie di requisiti.

In particolare, i requisiti sono:


A. essere costituita e svolgere attività d'impresa da non più di quarantotto mesi;

B. avere la sede principale dei propri affari e interessi in Italia;

C. il totale del valore della produzione annua, così come risultante dall'ultimo bilancio  approvato entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio, non deve essere superiore a 5 milioni di euro (il requisito è richiesto e si intende autocertificato a partire dal secondo anno di attività);

D. non distribuire e non avere distribuito utili;

E. avere quale oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico;

F. non essere stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda;

G. possedere almeno uno dei seguenti ulteriori requisiti:

  • le spese in ricerca e sviluppo sono uguali o superiori al 15 per cento del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione della start-up innovativa. Dal computo per le spese in ricerca e sviluppo sono escluse le spese per l'acquisto e la locazione di beni immobili. Ai fini di questo provvedimento, in aggiunta a quanto previsto dai principi contabili, sono altresì da annoverarsi tra le spese in ricerca e sviluppo: le spese relative allo sviluppo precompetitivo e competitivo, quali sperimentazione, prototipazione e sviluppo del business pian, le spese relative ai servizi di incubazione forniti da incubatori certificati, i costi lordi di personale interno e consulenti esterni impiegati nelle attività di ricerca e sviluppo, inclusi soci ed amministratori, le spese legali per la registrazione e protezione di proprietà intellettuale, termini e licenze d’uso. Le spese risultano dall'ultimo bilancio approvato e sono descritte in nota integrativa. In assenza di bilancio nel primo anno di vita, la loro effettuazione è assunta tramite dichiarazione sottoscritta dal legale rappresentante della start-up innovativa;
  • impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore al terzo della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un'università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all'estero ovvero in percentuale uguale o superiore a due terzi della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale ai sensi dell’articolo 3 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n.270;
  • sia titolare o depositario o licenziatario di almeno una privativa industriale relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale ovvero sia titolare dei diritti relativi ad un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, purchè tali privative siano direttamente afferenti all'oggetto sociale e all'attività d'impresa.

Costi

Diritti di segreteria e imposta di bollo:

L'istanza di iscrizione alla sezione speciale del Registro delle Imprese è esente dal pagamento di diritti di segerteria e dell'imposta di bollo.

 

Esenzione dal diritto annuale:

Dal momento della loro iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese, le imprese start-up innovative sono esonerate dal pagamento del diritto annuale.

L'esenzione dipende dal mantenimento dei requisiti previsti dalla legge per l'acquisizione della qualifica di start-up innovativa, e dura comunque non oltre il periodo in cui la società può beneficiare della speciale disciplina.

 

Esenzione dai diritti di segreteria e dall'imposta di bollo:

Dal momento della loro iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese, le imprese start-up innovative sono esonerate dal pagamento dei diritti di segreteria e dell’imposta di bollo dovuti per gli adempimenti relativi alle iscrizioni nel Registro delle imprese.

L'esenzione dipende dal mantenimento dei requisiti previsti dalla legge per l'acquisizione della qualifica di start-up innovativa e dura comunque non oltre il periodo in cui la società può beneficiare della speciale disciplina.

Moduli

Modello dichiarazione Start Up Innovativa
Scarica (635 kb) File con estensione pdf
Modello dichiarazione Incubatore certificato di startup innovative
Scarica (635 kb) File con estensione pdf

Contatti

Registro Imprese - Atti societari
Ufficio competente: Area IV Registro Imprese e Analisi Statistiche - Struttura "Società"
Indirizzo e-mail: attisocietari@rm.camcom.it
Note:

Le pratiche relative alle società devono essere presentate per via telematica.

Per ottenere assistenza specialistica nella compilazione e predisposizione delle istanze telematiche (escluse le pratiche sospese), contattare il call center: 199.13 06 06 dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00.

Per la presentazione delle pratiche su supporto informatico gli Uffici ricevono esclusivamente su appuntamento (dal lunedì al giovedì dalle 13.30 alle 15.00).  
L'appuntamento può essere fissato telefonicamente contattando il numero: 0652082217 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.30.
Startup e PMI innovativeIndirizzo Email: startup.roma@rm.camcom.it

Telefono:

  • 0652082091 dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 11.00
  • 0652082019 dal lunedì al venerdì dalle ore 11.00 alle ore 12.30
     
ultima modifica: 15/07/2019

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dall'ente

C.F. 80099790588 - P.I. 01240741007 - Codice Univoco KIRGLW

per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it
Avviso formati comunicazioni  PEC

mappa del sito | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policyvaluta questo sito

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

- Inizio della pagina -
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network . Ok Informativa completa
Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it