Avvio attività autonoma cittadini extracomunitari

Se un cittadino extracomunitario vuole avviare un'impresa o un'attività di lavoro autonomo, per la quale non sia richiesta alcuna abilitazione o autorizzazione, è necessario acquisire, presso la Camera di Commercio competente territorialmente (o della provincia di competenza) l'attestazione dei parametri di riferimento riguardanti la disponibilità delle risorse finanziarie occorrenti per l'esercizio dell'attività stessa (Art. 39 DPR 394/1999 modificato dal DPR 334/2004).

L'attestazione è necessaria sia nel caso di attività di lavoro autonomo esercitata in qualità di imprenditore individuale, sia nel caso di socio prestatore d'opera nell'ambito di società, anche cooperative, costituite da almeno tre anni.

Una volta acquisita l'attestazione in Camera di Commercio, questa deve essere presentata alla Questura, anche tramite procuratore, per l'apposizione del nulla osta provvisorio ai fini dell'ingresso nel territorio Italiano.

L'apposito modello di domanda  deve essere presentato allo sportello del commercio estero.

Diritti di segreteria: Euro 5,00 da pagarsi allo sportello al ritiro del provvedimento.

N. 1 marca da bollo Euro 16,00 da apporsi sul modello di domanda.

N. 1 marca da bollo Euro 16,00 che sarà apposta sul provvedimento.

Chi contattare per questo servizio?

Avvio Attività Autonoma Cittadini Extracomunitari
Ufficio competente: Area IV Registro Imprese e Analisi Statistiche - Struttura "Certificazioni e servizi digitali"
Posta elettronica certificata: certificazioni@rm.legalmail.camcom.it
Indirizzo: Viale Oceano Indiano 19 - 00144 Roma
Telefono: 06/5208.2011 - 06/5208.2046
ultima modifica: martedì 28 luglio 2020

Condividi