Iscrizione al Registro Imprese: Ditte Individuali

Le Ditte Individuali, gli imprenditori agricoli ed i coltivatori diretti hanno l'obbligo di iscriversi al Registro delle Imprese.

Seguici sul nostro account Twitter Seguici tramite feed RSS
Benvenuta impresa
Romacreanotizie
Guida al Registro Imprese
Il diritto annuale camerale
Home Page » Servizi » Registro imprese » Imprese individuali
Imprese individuali

Gli imprenditori individuali sono obbligati ad iscriversi nel Registro delle Imprese della provincia nella quale è ubicata la sede dell’impresa.
E’ imprenditore colui che “esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni e servizi”, in particolare:

1) è imprenditore commerciale colui che esercita una delle attività indicate all’art. 2195 c.c., ovvero:

  • attività industriale diretta alla produzione di beni e servizi;
  • attività intermediaria nella circolazione dei beni;
  • attività di trasporto per terra, acqua o aria;
  • attività bancaria o assicurativa;
  • altre attività ausiliarie delle precedenti;

2) è piccolo imprenditore commerciale colui che svolge un’attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio o dei componenti della famiglia (art. 2083 c.c.);

3) è imprenditore agricolo colui che esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse (art. 2135 c.c.);

4) è coltivatore diretto colui che svolge un’attività agricola con le caratteristiche del piccolo imprenditore commerciale (art. 2083 c.c.).

Per la qualifica di “imprenditore” e la conseguente iscrizione nel Registro delle Imprese è necessario l’esercizio di un’attività di impresa con modalità stabili e non occasionali. Sono, pertanto, soggette all’iscrizione anche le attività stagionali, che hanno comunque un ciclo di gestione ben definito. Sono, invece, esclusi dall’iscrizione i singoli affari isolati, anche quando danno luogo ad una serie di atti conseguenti.
Altro aspetto fondamentale per la qualifica di “imprenditore” è che l’attività esercitata sia economica e produttiva di beni e servizi e non una professione intellettuale protetta, che non è considerata attività di impresa.
L’esercizio di professioni intellettuali non protette, invece, come ad esempio la realizzazione di ricerche di mercato, le consulenze ed altro, non hanno l’obbligo specifico di iscrizione nel Registro delle Imprese ma viene riconosciuta al professionista la facoltà di scegliere le modalità di organizzazione della propria attività (con la sola attribuzione della partita IVA ovvero anche con l’iscrizione nel Registro delle Imprese).
 

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE/DENUNCE

La presentazione delle domande/denunce al Registro delle Imprese da parte degli imprenditori individuali può avvenire esclusivamente per via telematica.
La predisposizione delle domande/denunce deve essere effettuata tramite l’applicativo starweb.

Termini per la presentazione:

30 giorni dall’avvio dell’attività. Per le pratiche di iscrizione che contengono contestualmente la trasmissione della SCIA, la data di avvio dell’attività coincide con la data di trasmissione dell’istanza;

Soggetto obbligato: TITOLARE;

Altri soggetti legittimati:
PROCURATORE/INTERMEDIARIO, munito di apposita procura all’invio telematico firmata dal titolare;
PROFESSIONISTA INCARICATO (commercialista, ragioniere) dotato di un dispositivo di firma digitale; nel riquadro note del modello informatico dovrà apporre la seguente dichiarazione “Il sottoscritto (nome e cognome) Dott./Rag. commercialista, dichiara di essere iscritto nella sezione oppure dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di n. , di non avere provvedimenti disciplinari in corso che comportino la sospensione dell’esercizio dell’attività professionale e di essere stato incaricato dal/dalla sig./sig.ra ……….. all’assolvimento del presente adempimento, ai sensi degli artt. 46 e 47 DPR n.445/2000 e dell’art. 1 del D.lgs. n. 196/2003;

Sottoscrizione:
Le istanze e gli allegati devono essere firmati digitalmente da colui che effettua l’invio telematico (titolare, procuratore/intermediario o professionista incaricato);

PEC – Posta Elettronica Certificata:

L’iscrizione dell’indirizzo di Posta Elettronica Certificata è obbligatoria (a decorrere dal 20/10/2012) a norma dell’art. 5 del D.L. n.179/2012 ed, in caso di assenza, l’ufficio procede al rifiuto della domanda di iscrizione dell’impresa. La PEC deve essere richiesta ad uno dei soggetti iscritti nell’elenco dei gestori ufficiali, pubblicato sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale. Al momento della trasmissione della pratica telematica l’indirizzo PEC deve essere stato già attivato, non saranno accettate iscrizioni con indirizzi PEC ancora in stato “registrato”;

Allegati:

  • autocertificazione dei titoli comprovanti il legittimo avvio dell’attività (SCIA, autorizzazione, notifica sanitaria, ecc.) ovvero copia semplice degli stessi (tale documentazione non è obbligatoria ma ha il solo scopo di accelerare lo svolgimento del procedimento; in caso di assenza l’ufficio deve procedere alla verifica, presso le altre Pubbliche Amministrazioni, che l’attività sia legalmente in essere). Per i titoli da possedere per ciascuna tipologia di attività consultare “La guida alle attività economiche";
  • copia del permesso di soggiorno in corso di validità (per i cittadini stranieri non comunitari);
  • procura conferita all’intermediario, riportante in allegato la fotocopia del documento di identità in corso di validità del titolare. Il documento di identità deve essere allegato con il codice (E20). Sulla procura dovrà essere riportato il codice univoco corrispondente alla pratica inviata. Le istanze recanti procure con cancellazioni, abrasioni o altre manipolazioni verranno sospese e successivamente rifiutate in caso di mancata regolarizzazione nei termini assegnati dall’ufficio.

Costi

Diritti di segreteria:

  • iscrizioni e modifiche: euro 18,00
  • cancellazioni: nessun diritto

Le imprese già iscritte nel Registro delle Imprese, senza immediato inizio dell’attività economica, non sono soggette al pagamento dei diritti di segreteria per la prima denuncia di inizio attività.
 

Imposta di bollo:
euro 17,50 - dovuta per le iscrizioni, le cancellazioni e le modifiche che riguardano esclusivamente dati del Registro delle Imprese (es.: sede e sezione).
Le denunce relative esclusivamente all’inizio, modifica o cessazione dell’attività sono esonerate dall’imposta di bollo.

Moduli

Modello I1, da utilizzare per l’iscrizione;
Modello I2, da utilizzare per le modifiche e le cancellazioni;
Modello UL, da utilizzare per l’apertura, la modifica e la cancellazione di unità locali. Si definisce unità locale l’impianto operativo (es.: laboratorio, officina, stabilimento, negozio, ecc.) o amministrativo/gestionale (es.: ufficio, magazzino, deposito, ecc.) ubicato in luogo diverso da quello della sede legale, nel quale l’impresa esercita stabilmente una o più attività economiche.
Modello Intercalare P, da utilizzare per l’iscrizione di eventuali cariche soggette alla pubblicazione (preposti alla gestione tecnica, curatori fallimentari, ecc.).

Norme

Queste informazioni sono disponibili in formato aperto. Scarica archivio in Open Data
Art. 2082 c.c. "Imprenditore"
Scarica (16 kb) File con estensione pdf
Art. 2135 c.c. "Imprenditore agricolo"
Scarica (17 kb) File con estensione pdf
Art. 2195 c.c. "Imprenditori soggetti a registrazione"
Scarica (15 kb) File con estensione pdf
Art. 2196 c.c. "Iscrizione dell'impresa"
Scarica (16 kb) File con estensione pdf
D.P.R. n. 581/1995 - Regolamento di attuazione dell_art. 8 della legge 29 dicembre 1993, n. 580, in materia di istituzione del registro delle imprese di cui all_art. 2188 del codice civile
Scarica (77 kb) File con estensione pdf

Contatti

Area IV - Registro Imprese
Ufficio competente: Posizione Organizzativa "REA e Atti Imprese Individuali"
Note:

Per ottenere informazioni ed assistenza per la compilazione e predisposizione delle istanze telematiche, contattare il call center:

199.13.06.06 - dal lunedì al giovedì dalle ore 9:30 alle ore 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 17:00, il venerdì nella sola fascia antimeridiana dalle ore 9:30 alle ore 13:00.

Per eventuali solleciti sull’evasione delle istanze telematiche, compilare l’apposito Form sul sito internet: www.rm.camcom.it

Non verranno presi in considerazione solleciti trasmessi prima che sia decorso il termine fissato dalla legge per l’istruttoria delle istanze e pari a cinque giorni dall’invio telematico.

Non verranno, altresì, presi in considerazione solleciti pervenuti con altre modalità (fax, sportello, ecc.).

ultima modifica: 02/03/2017

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dall'ente

C.F. 80099790588 - P.I. 01240741007 - Codice Univoco KIRGLW

per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it
Avviso formati comunicazioni  PEC

mappa del sito | elenco siti tematici | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policy

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

- Inizio della pagina -
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network . Ok Informativa completa
Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma č sviluppato con il CMS ISWEBŪ di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it