Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma - Iscrizione coltivatori diretti e imprenditori agricoli

Sito istituzionale della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma: informazioni, modulistica, servizi.

Seguici sul nostro account Twitter Seguici tramite feed RSS
Benvenuta impresa
Banner cassetto Impresaitalia.it
Attività Ateco
Il diritto annuale camerale
INCENTIVI.GOV.IT
Home Page » Servizi » Registro imprese, visure, certificazioni » Imprese individuali » Iscrizione coltivatori diretti e imprenditori agricoli
Iscrizione coltivatori diretti e imprenditori agricoli

L’imprenditore agricolo è colui che esercita una delle seguenti attività previste dall’art. 2135 c.c.:

  • la coltivazione del fondo;
  • la selvicoltura;
  • l’allevamento di animali;
  • le attività connesse alle precedenti (sono ricomprese le attività dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione dei prodotti ottenuti dalla coltivazione del fondo o del bosco ovvero dall’allevamento di animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni e servizi mediante l’utilizzo di attrezzature e risorse dell’azienda, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità).


Il coltivatore diretto è l’imprenditore agricolo che gestisce l’impresa con le caratteristiche del piccolo imprenditore commerciale ovvero prevalentemente con il proprio lavoro o dei suoi familiari. Il lavoro manuale deve prevalere anche sul capitale investito e si differisce dall’imprenditore agricolo che si avvale principalmente di manodopera esterna.

Sono esonerati dall’iscrizione nel Registro delle Imprese gli imprenditori agricoli che, nell’anno solare precedente a quello dell’iscrizione, hanno realizzato o, in caso di inizio attività, prevedono di realizzare, un volume di affari non superiore a euro 7.000 (art. 2, comma 3, Legge n. 77/1977 e art. 34 D.P.R. n. 633/72), costituito per almeno due terzi da cessioni di prodotti agricoli e ittici.

Dichiarazione di imprenditore agricolo professionale (IAP) Nell’ipotesi in cui l’imprenditore agricolo abbia i requisiti previsti dall’articolo 1 del D.Lgs n. 99/04, deve risultare compilato anche il riquadro del modello I1 relativo alla “Dichiarazione di imprenditore agricolo professionale”. E’ considerato “imprenditore agricolo professionale” colui il quale, in possesso di conoscenze e competenze professionali ai sensi dell’articolo 5 del regolamento (CE) n. 1257/99 del 17 maggio 1999, dedichi alle attività agricole almeno il 50% del proprio tempo lavoro complessivo e che ricavi dalle attività medesime almeno il 50% del proprio reddito globale da lavoro.

Modalità di predisposizione dell’istanza:Riferimenti normativi: Artt. 2082, 2135 c.c., art. 18 DPR n.581/1995 e art. 9 D.L. n.7/2007 (convertito con modificazioni nella legge n. 40/2007)

Soggetto obbligato alla presentazione: Titolare


Altri soggetti legittimati alla presentazione

  • Procuratore (intermediario incaricato)
  • Professionista incaricato (commercialista, ragioniere), che nel riquadro note del modello dovrà riportare la seguente dichiarazione:

“Il sottoscritto……….dottore commercialista/ragioniere, consapevole delle responsabilità penali previste in caso di falsa dichiarazione, ai sensi degli artt. 46 e 47 DPR n.445/2000, dichiara di essere iscritto nella sezione (A o B) dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di ………., al n……. Dichiara, inoltre, di non avere a proprio carico provvedimenti disciplinari ostativi all’esercizio della professione e di presentare la domanda su incarico di ….(nome cognome titolare) (*)

Termini per la presentazione
: Entro 30 giorni dalla data di inizio dell’attività economica

Modulistica

  • Modello I1. Nel modello, oltre ai riquadri obbligatori, è necessario compilare il campo ATTIVITA’ AGRICOLA DELL’IMPRESA, nel quale descrivere l’attività, indicare la data inizio attività e la provincia di esercizio della stessa (quando l’attività agricola viene svolta in località diverse da quella della sede, ma non sono presenti strutture tali da individuare un’azienda agricola a sé stante, non deve essere aperta un'unità locale ma l'attività va indicata esclusivamente nel predetto riquadro)
  • Modello UL – se sono previste altre localizzazioni diverse dalla sede dell’impresa. Si definisce unità locale l’impianto operativo (es.: laboratorio, officina, stabilimento, negozio, ecc.) o amministrativo/gestionale (es.: ufficio, magazzino, deposito, ecc.) ubicato in luogo diverso da quello della sede legale, nel quale l’impresa esercita stabilmente una o più attività economiche


Sottoscrizione digitale dell’istanza e degli allegati: A cura del soggetto che presenta l’istanza: il titolare, il procuratore o il professionista

Allegati

  • Permesso di soggiorno, in corso di validità, per i cittadini extracomunitari.
  • Per le istanza presentate da un procuratore:


Avvertenze

  • L’imprenditore deve essere dotato di indirizzo di Posta Elettronica Certificata valido, attivo e direttamente riferibile all’impresa
  • La denominazione dell’impresa deve contenere almeno il cognome o le iniziali di nome e cognome dell’imprenditore.
  • La denominazione non può contenere riferimenti all’artigianato, l’esercizio dell’attività agricola non è compatibile con l’iscrizione all’Albo delle Imprese Artigiane.

Contatti

Area IV - Registro Imprese e Analisi Statistiche
Ufficio competente: Struttura "REA - Imprese individuali e artigiane"
Note:

Per ottenere informazioni ed assistenza per la compilazione e predisposizione delle istanze telematiche, contattare il call center: 199.13.06.06 - dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00

Per ottenere informazioni ed assistenza per le pratiche già sospese dall’ufficio, contattare i funzionari istruttori esclusivamente nella fascia oraria 11:30 – 12:30, dal lunedì al venerdì, come da indicazioni fornite nelle note di sospensione delle istanze.

Per eventuali solleciti sull’evasione delle istanze telematiche, compilare l’apposito Form.
Non verranno presi in considerazione solleciti trasmessi prima che sia decorso il termine fissato dalla legge per l’istruttoria delle istanze e pari a cinque giorni dall’invio telematico.
Non verranno, altresì, presi in considerazione solleciti pervenuti con altre modalità (fax, sportello, ecc.).

ultima modifica: 18/02/2020

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dall'ente

C.F. 80099790588 - P.I. 01240741007 - Codice Univoco KIRGLW

per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it
Avviso formati comunicazioni  PEC

mappa del sito | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policyvaluta questo sito

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

- Inizio della pagina -
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network . Ok Informativa completa
Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it