Albo Imprese Artigiane

L'Albo delle imprese artigiane raccoglie i professionisti artigiani nei più variegati settori.

Artigianato

Artigiano è colui che esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare, l'impresa artigiana, assumendosene la piena responsabilità con tutti gli oneri ed i rischi inerenti alla sua direzione e gestione e svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo.

L'artigiano viene identificato attraverso la sua iscrizione all'Albo delle imprese artigiane.
L'imprenditore artigiano, nell'esercizio di particolari attività che richiedono una peculiare preparazione ed implicano responsabilità a tutela e garanzia degli utenti, deve essere personalmente in possesso dei requisiti tecnico-professionali previsti dalle leggi di settore. 

L'imprenditore artigiano può essere titolare di una sola impresa artigiana. 

E' artigiana l'impresa che, esercitata dall'imprenditore nei limiti dimensionali di cui all'art. 4 della L . 443/85, abbia per scopo prevalente lo svolgimento di un'attività di produzione di beni, anche semilavorati, o di prestazioni di servizi. 

L'attività artigiana è regolata oltre che dalla L. 443/85 anche dalla legge regionale 10/2007

In ciascuna Provincia, presso le C.C.I.A.A, è istituito l'Albo delle Imprese Artigiane, al quale sono tenute a far domanda d'iscrizione, entro trenta giorni dall'inizio dell'attività (vedi sanzioni ), tutte le imprese aventi i requisiti di cui agli articoli, della L. 443/85 ( legge quadro sull'artigianato e successive modifiche ed integrazioni).

L'iscrizione all'Albo ha natura costitutiva ed è condizione per la concessione delle agevolazioni a favore delle imprese artigiane; nessuna impresa può adottare quale ditta, insegna o marchio una denominazione in cui ricorrano riferimenti all'artigianato se essa non è iscritta nell'Albo.  

Le imprese artigiane, iscritte all'Albo da almeno 5 anni, e con specifici requisiti , possono richiedere il riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale, presentando la relativa domanda alla Commissione ProvincialeLe imprese artigiane, iscritte all'Albo da almeno 5 anni, e con specifici requisiti , possono richiedere il riconoscimento di impresa operante nel settore dell’artigianato artistico e tradizionale, presentando la relativa domanda alla Commissione Provinciale.
 

Iscrizione, modifica e cancellazione all'Albo delle imprese artigiane

Le comunicazione di iscrizione, modifica e cancellazione all’albo delle imprese artigiane, ai sensi dell’art. 9bis D.L. 7/2007 e del DPCM 06/05/2009, devono essere presentate esclusivamente in via telematica, sia per le imprese individuali che per le società, con le stesse modalità previste dalla Comunicazione Unica per la nascita dell’impresa.

L’invio deve essere predisposto utilizzando gli applicativi STARWEB, ed altri compatibili.

STARWEB è conforme alle specifiche tecniche per l'invio della Comunicazione Unica (art. 9 Legge 40/2007) e alla normativa regionale in vigore.

Requisiti indispensabili per l'invio delle pratiche con STARWEB sono:

  • il possesso di un dispositivo di firma digitale;
  • la PEC (posta elettronica certificata). Quest’ultima può essere anche richiesta al momento dell’invio della pratica direttamente dall'applicativo.

Se la pratica viene inviata da un intermediario, ai fini della presentazione della Comunicazione Unica (art. 9 D.L. 7/2007 convertito in L n. 40/2007), alla domanda di iscrizione, modifica e cancellazione deve essere obbligatoriamente allegato il file contenente il “modulo procura” sottoscritto digitalmente e i documenti di identità dei firmatari.

Per informazioni più dettagliate è possibile consultare il manuale on line presente sul sito di STARWEB


Collaboratori familiari
Le imprese artigiane, che si avvalgono della collaborazione di familiari, devono presentare domanda all'Albo delle Imprese Artigiane per l'inclusione o l'esclusione dei collaboratori familiari.
La richiesta di iscrizione del collaboratore familiare può essere presentata contestualmente alla richiesta di iscrizione dell'impresa artigiana.

Si considerano familiari coadiuvanti:

  • il coniuge;
  • i figli legittimi o legittimati, adottivi e gli affiliati;
  • i figli naturali legalmente riconosciuti;
  • i figli nati da precedente matrimonio dell'altro coniuge;
  • i minori rgolarmente affidati;
  • i nipoti in linea diretta;
  • i fratelli e le sorelle;
  • gli ascendenti (genitori, nonni, bisnonni) e gli equiparati ai genitori (adottanti, affilianti, genitori naturali di figli legalmente riconosciuti ecc.);
  • i parenti entro il 3° grado e gli affini entro il 2° grado.
     

Decesso dell’Imprenditore (art.5 comma 4 della legge n. 443/1985)

In caso di invalidità, di morte e di intervenuta sentenza che dichiari l’interdizione o
l’inabilitazione dell’imprenditore artigiano, la relativa impresa può conservare, su
richiesta, l’iscrizione all’Albo anche in carenza di uno dei requisiti previsti dall’art. 2
della legge n. 443/85 per un periodo massimo di cinque anni fino al compimento della
maggiore età dei figli minorenni, sempre che l’esercizio dell’impresa venga assunto
dal coniuge, dai figli maggiorenni o minori emancipati o dal tutore dei figli minorenni
dell’imprenditore invalido deceduto, interdetto o inabilitato.

Alla pratica deve essere allegato il Modello art.5 L.443/1985.

Ricorsi

Avverso i provvedimenti di diniego adottati dalla C.P.A. in materia di iscrizione, modificazione o cancellazione, è sempre ammesso ricorso in via amministrativa alla Commissione Regionale per l'Artigianato, presso la Regione Lazio, entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento stesso.

Le decisioni della Commissione Regionale per l'Artigianato sono impugnabili entro 60 giorni dalla notifica della decisione stessa, dinanzi al Tribunale competente per territorio.

Modulo ricorso

 


Per l'aspirante imprenditore che deve effettuare l'iscrizione al Registro delle Imprese, la Camera di Commercio di Roma ha realizzato una "Guida al Registro delle Imprese e Albo delle Imprese Artigiane: gli adempimenti dell'impresa all'atto dell'iscrizione", contenente le indicazioni necessarie per procedere con i vari adempimenti amministrativi.

video guida nuove imprese

Requisiti

L'attività artigiana può essere esercitata oltre che dalle ditte individuali, anche dalle S.n.c., S.a.s., S.r.l. e Società cooperative a condizione che: 

Nelle società in nome collettivo:

  • la maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, deve svolgere in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo;
  • per le attivita' di ottico, odontotecnico, ricostruzione unghie e tatuaggi e piercing tutti i soci partecipanti al lavoro devono essere qualificati;
  • per le attività regolamentate (impiantisti, autoriparatori, imprese di pulizia, acconciatori, estetisti) almeno uno dei soci partecipanti al lavoro deve essere qualificato.


Nelle società in accomandita semplice:

  • tutti i soci accomandatari devono svolgere in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo;
  • per le attività regolamentate (impiantisti, autoriparatori, imprese di pulizia, acconciatori, estetisti) almeno un socio accomandatario deve essere qualificato;
  • per le attivita' di ottico, odontotecnico, ricostruzione unghie, tatuaggi e piercing tutti i soci partecipanti al lavoro devono essere qualificati;
  • i soci accomandanti non sono iscrivibili negli elenchi previdenziali.


Nelle società a responsabilità limitata:

  •  deve prendere parte al lavoro la maggioranza dei soci, la maggioranza del capitale e la maggioranza dell'organo amministrativo.
  •  per le attività regolamentate (impiantisti, autoriparatori, imprese di pulizia, acconciatori, estetisti) almeno un socio lavoratore deve essere qualificato
  • per le attivita' di ottico, odontotecnico, ricostruzione unghie, tatuaggi e piercing tutti i soci partecipanti al lavoro devono essere qualificati.
  • occorre certificare la compagine sociale, le quote di capitale possedute, i componenti l'organo deliberante, i soci partecipanti al lavoro, compilando l'intercalare ART/SRL.
  •  

Nelle società cooperative:

  • deve prendere parte al lavoro la maggioranza dei soci.
  • la maggioranza degli amministratori deve essere rappresentata da soci lavoratori
  • per le attività regolamentate (impiantisti, autoriparatori, imprese di pulizia, acconciatori, estetisti) almeno un socio lavoratore deve essere qualificato;
  • per le attivita' di ottico, odontotecnico, ricostruzione unghie, tatuaggi e piercing tutti i soci partecipanti al lavoro devono essere qualificati
  • tra i soci e la cooperativa deve essere stato stipulato un distinto contratto di lavoro autonomo.
  • occorre allegare copia del regolamento approvato dall'Assemblea e depositato presso la Direzione Provinciale del Lavoro ai sensi dell'art. 6 della L. 142/01, nel quale sono riportate le tipologie di rapporto di lavoro adottate dalla Cooperativa e che a queste corrispondono le modalità di svolgimento dell'attività lavorativa.
     

Documentazione  richiesta per particolari attività:

Odontotecnici e Ottici: copia della S.C.I.A. e copia del titolo di studio specifico.
 

Orafi : copia del registro delle operazioni giornaliere di cui all'art.128 del T.U.L.P.S. vidimato dalla Questura o Commissariato di Polizia competente in base alla sede dell'impresa e copia della S.C.I.A;
 

Taxi e autonoleggio con conducente: copia dell'Autorizzazione comunale e, solo nei casi di dipendenza lavorativa precedente la domanda di iscrizione dichiarazione del Presidente della cooperativa
 

Conservazione e restauro opere d'arte: copia del titolo di studio specifico
 

Piercing e tatuaggi: copia della S.C.I.A. e copia dell'attestato di qualifica professionale riconosciuto dalla Provincia
 

Ricostruzione unghie: copia della S.C.I.A. e copia dell'attestato di qualifica professionale riconosciuto dalla Provincia.
L'attività di ricostruzione unghie inoltre, può essere svolta anche da chi esercita l'attività di estetista.
 

Autotrasporto merci in conto terzi: copia dell'iscrizione all'Albo Provinciale Autotrasportatori.
 

Movimento terra: dimostrazione del possesso della pala meccanica.
 

Soccorso stradale: libretto di circolazione con l'annotazione che il mezzo è dotato di attrezzatura idonea allo svolgimento dell'attivita' di soccorso stradale.

Costi

In esecuzione della deliberazione n. 143 del 27/10/2010 della Commissione Regionale per l'Artigianato, dal 01/12/2010 sono stati applicati i nuovi importi dei diritti di segreteria e dell'imposta di bollo per la presentazione delle pratiche telematiche artigiane mediante Comunicazione Unica.

 TABELLA IMPORTI

Moduli

Modello art.5 L.443/1985
Scarica (21 kb) File con estensione pdf
Modello procura speciale All. A
Scarica (30 kb) File con estensione pdf
Tabella importi pratiche telematiche artigiane
Scarica (14 kb) File con estensione pdf
Modello ricorso artigianato
Scarica (12 kb) File con estensione pdf

Norme

Queste informazioni sono disponibi in formato aperto. Scarica archivio in Open Data
Legge regionale 10/2007
Scarica (245 kb) File con estensione pdf
L. 443/85
Scarica (96 kb) File con estensione pdf

FAQ

Contatti

Albo Imprese Artigiane
Ufficio competente: Area IV Registro Imprese - Posizione Organizzativa "Artigianato"
Indirizzo e-mail: artigianato@rm.camcom.it
Indirizzo: Roma: Viale Oceano Indiano 19 - 00144;
Guidonia: Via Tenuta del Cavaliere, 1 - 00012, c/o gli Uffici Direzionali del Centro Agroalimentare Roma - Edificio A - Piano Terra;
Civitavecchia: Largo Cavour 6 - 00053;
Velletri: Via Filippo Turati, 7 - 00049 c/o Centro Culturale Amministrativo.
Orari: Roma: Viale Oceano Indiano: lunedì - giovedì: 08.45 - 12.30/13.30 - 15.00.
Velletri: Lun. - Merc. - Ven.: 08.45 - 12.30/13.30 - 15.00.
Guidonia: dal lunedì al venerdì: 8.45 - 12.30/13.30 - 15.00.
Civitavecchia: lunedì - giovedì: 08.45 - 12.30/13.30 - 15.00.
Telefono: 199130606 per informazioni di carattere generale e sulle pratiche
Note:

Chiusura cassa ore 14.45.
Nelle giornate prefestive gli sportelli sono aperti dalle ore 8.45 alle 12.30.

ultima modifica: 14/03/2014

2013 Camera di Commercio di Roma - qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dell'ente

per informazioni: callcenter-cciaa-roma@infocamere.it
per comunicazioni tramite PEC: cciaaroma@rm.legalmail.camcom.it

mappa del sito | elenco siti tematici | contatti | credits | privacy | note legali | accessibilità | social media policy

Logo W3C CSS Logo W3C XHTML RSS

- Inizio della pagina -
Il progetto Camera di Commercio di Roma - CCIAA Roma è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it